Google premia il tuo sito Responsive Mobile Friendly

Google premia il tuo sito Responsive Mobile Friendly

Dal blog ufficiale di Google leggiamo una novità importante: dal 21 aprile 2015 Google terrà maggiormente conto della responsività (intesa come capacità di adattamento di un sito web ai browser dei dispositivi mobili quali smartphone, tablet e mini-pc) nel calcolo del punteggio che posiziona i siti internet nel ranking stesso di Google.

In sostanza maggiore sarà il punteggio della voce responsive o mobile friendly, migliore sarà il punteggio di posizionamento nel motore di ricerca più utilizzato al mondo. Questa modifica verrà effettuata in tutte le lingue del mondo e impatterà significativamente nei risultati di ricerca.

L’influenza di questo fattore è dovuto alla logica di utilizzo dei dispositivi mobili da parte degli utenti. La ricerca implica una risposta immediata e quanto più facilmente idonea a soddisfare l’esigenza dell’utente. Il fattore mobile friendly è decisivo quindi affinché un sito internet abbia una posizione più alta rispetto ai siti che non si adattano.

L’algoritmo che Google modificherà in questo senso restituirà un risultato dovuto alle analisi degli spider Googlebot, che scandagliano internet 24 ore al giorno in tutto il mondo alla velocità della luce.

Puoi verificare con uno strumento di analisi che Google mette a disposizione se il tuo sito ha questa caratteristica. Andando su Mobile-Friendly-Test scoprirai se necessiti di un intervento affinché Google tenga in buona considerazione di darti un buon punteggio.

tecnicinformatici responsive

Con questa implementazione si rafforza l’idea di orientare il proprio marketing al mondo mobile (da qui il nome mobile marketing), rendendo l’esperienza utente sempre più immediata e responsive. D’altronde sono più di 30 milioni gli italiani che accedono a internet tramite uno smartphone o tablet, cerchiamo di farlo capire alle aziende.

Siamo a tua completa disposizione per una consulenza ed eventualmente intervenire sul tuo sito web per renderlo facimente adattabile ai dispositivi mobile.

Se facendo il test al link di cui sopra, scopri che il tuo sito non è responsive mobile friendly allora vuol dire che necessiti di un intervento. Di seguito elenchiamo alcuni degli errori che potrebbero apparire:

esempio di sito non responsive - non ottimizzato per i dispositivi mobili - non mobile friendly

• Testo troppo piccolo da leggere

L’errore viene segnalato perché nei dispositivi mobili il sito si rimpicciolisce in proporzione alla dimensione dello schermo. Però il testo non può rimpicciolirsi allo stesso modo in proporzione, perché risulterebbe davvero difficile leggerne il contenuto. Quindi si deve mantenere la grandezza del carattere del testo a una dimensione giusta, appunto mobile friendly, che si adatti al dispositivo mobile e che allo stesso tempo sia idoneo alla lettura dell’utente.

• Area visibile su dispositivi mobili non impostata

Questo errore dipende da un’impostazione che deve essere inserita direttamente nel file che contiene tutte le direttive grafiche del sito web (CSS).

• Contenuti più grandi rispetto allo schermo

Al contrario dell’errore del testo troppo piccolo da leggere, questo oltre che può essere rilevato contemporaneamente nello stesso sito, indica che i caratteri del testo sono proporzionalmente più grandi rispetto alla dimensione dello schermo e che vanno quindi adattati meglio. Anche qui si interviene sul file CSS.

• Link troppo vicini l’uno all’altro

Gli smartphone e i tablet non necessitano di mouse, anzi sono stati concepiti per funzionare al tocco di un dito. Per questo motivo i contenuti e i link devono essere distanziati debitamente l’uno dall’altro, al fine di evitare che appunto con un tocco si clicchi più elementi insieme. Se fosse così Google lo percepisce e segnala l’errore, oltre che utilizzarlo come penalizzante in termini di punteggio di ranking mobile friendly.

La condivisione è la più alta forma di apprezzamento.
Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Commenti

commenti

Pin It